P_20181019_134606_1

Io sono diverso

Mi sono visto. Sagoma scura Chiusa sulle panche Circondato da morti errabondi Scatole vuote Esistenze a perdere. Ho alzato gli occhi Illuminato lo sguardo Aperto la mente. Limpidi pensieri. Non sono di questo mondo. Non sono queste vite.

edited_Edgar Degas - Waiting - (MeisterDrucke-29033)

Rispetto, aspetto

Rispetto il tuo silenzio il tuo stare in disparte la luna storta il tempo che serve   Aspetto la luce la voce roca un sussurro, eccomi   Il dipinto è di Edgard Degas, L’attesa – 1882.

PicsArt_06-18-05.12.10

I tuoi segreti

È quando dormi che più ti riconosco. Dopo l’ultimo gioco Dopo l’approdo e il naufragio Fatto di tutte le onde infrante Sulla costiera della tua schiena fragile Quando torna bonaccia io ti riconosco. Sei la perla chiusa nello scrigno Della tua posizione fetale Protetta tu resti indifesa. E allora altro non posso se non voltarmi […]

Salvador

Qui dentro

Se tu potessi entrare In questo labirinto Che è la mia mente Cinque minuti Cinque minuti soltanto Basterebbero E vedresti Montagne e crepacci Il mare profondo Il sole e la pioggia Foreste nebbiose Con demoni rancidi Questo è il mio io Griderei sollevato E ancora Così sono io E forse poi Sarebbe diverso Ma la […]

concerto-2

Quattro spine di grano

Quattro spine di grano È un viaggio lontano Di rose di spine Di luci di ombre E soli splendenti E nuvole basse Giorni di pioggia Cammini di sabbia Chino la testa Fermo i miei passi Respiro sospiro Stordito dal freddo Bianco pallore Riprendo il cammino   Il disegno è di Hugo Pratt tratto da Corte […]

P_20180625_234309

L’amore triste

L’amore triste È la vicina ubriaca Che riempie il suo buco Sconfigge l’assenza Geme, s’illude E poi Di nuovo sola Si gira e si assopisce In un incondiviso sonno   L’immagine è un disegno a matita di Pablo Ruìz  

PicsArt_06-18-05.12.10

Incapacità

Il limite delle parole È l’incapacità Di poter descrivere Il calore degli sguardi La sicurezza delle presenza Le carezze della voce L’odore della pelle E il sacro fuoco Di ciò che sei E di ciò che provo

Screenshot_20180613-074127_1

Vividi ricordi

Una pioggia sottile Scolora I miei disegni Forme confuse Ora Quasi indistinte Eppure Ne conservo Ricordi E a questi Mi aggrappo Mantenendoli vividi, Anzi, Coloro.  

brown

Quando comprendo i tuoi occhi

Mi sono perso In un occhio scuro Marrone Profondo. E sono volato via Con non so quali ali, Ma senza chiedere Ché non voglio sapere. E questo volo È un viaggio in compagnia Metafora di vita Pienamente vissuta. Sento il passato Ma non guardo indietro Il mio percorso È ora e adesso.

la-vitesse-loneliness (1)

Silenzi strappati

Quelle volte Che non ti trovo Che non ti sento E inutilmente cerco Rovisto Nella scatola dei ricordi A trovare certezze Che leniscano E resto in attesa Del ritorno Delle parole Che l’attesa chiudano E torni il sole E torni il sorriso In un eterno Giro di ruota   La foto è Loneliness di Geoffroy Hauwen